• Home »
  • Senza categoria »
  • Forconi, la protesta non si ferma. A Ventimiglia la polizia rimuove i blocchi per la frontiera. Torino blindata

Forconi, la protesta non si ferma. A Ventimiglia la polizia rimuove i blocchi per la frontiera. Torino blindata

Forconi, la protesta non si ferma. A Ventimiglia la polizia rimuove i blocchi per la frontiera. Torino blindata

Non si ferma la protesta dei Forconi o del ’9 dicembre’ che dir si voglia, arrivata al quarto giorno di manifestazioni e blocchi in tutta Italia. In mattinata qualche tensione a Ventimiglia dove i manifestanti hanno puntato al blocco delle frontiere con la Francia mentre più tranquilla sembra la situazione in altre città come Torino, Milano e Venezia, dove sono in corso alcuni presidi del Movimento. Tensione a Ventimiglia, dove i manifestanti hanno puntato alle frontiere. In mattinata è stato bloccato il centro di Latte, impedendo così l’accesso alle due frontiere con la Francia, quella lato mare quella lato monte. Dopo qualche ora il blocco è stato rimosso dalle forze dell’ordine. Disagi alla circolazione per il corteo di studenti e commercianti, partito da Alassio e diretto ad Albenga, che ha provocato rallentamenti nel traffico.

A Torino situazione tranquilla dopo tre giorni di blocchi, 75 secondo il bilancio fornito dal sindaco Piero Fassino, che hanno paralizzato la città. Ci sono alcuni presidi del movimento dei Forconi in città e nei paesi limitrofi in cui si distribuiscono volantini ma senza intralcio alla circolazione stradale. Le forze dell’ordine dalle prime ore del mattino stanno monitorando l’allestimento dei mercati cittadini e gli ingressi della grande distribuzione.

A Milano una ventina di persone si è riunita in piazzale Loreto. Nessun blocco o intralcio al traffico nel piazzale, snodo importante per la circolazione nel capoluogo lombardo. A Venezia i protagonisti della protesta dei forconi si sono radunati davanti alla sede Equitalia di Mestre. Manifestazione anche a Firenze dove dopo quattro giorni di presidio alla Fortezza da Basso, circa duecento persone hanno sfilato nelle vie centrali della città lanciando slogan, cori e fischi contro i protagonisti della vita politica nazionale.